Il borsino del “Bianco d’Alba”: scende sotto i 300 euro/etto il prezzo medio

Fiera del tartufo: come la vivono gli albesi. Partecipa al sondaggio
Stelvio Casetta (a sinistra) nel Mercato del tartufo alla Fiera di Alba

TARTUFI Come preannunciato da Gazzetta, affidandosi alle previsioni dell’esperto presidente dell’associazione tartufai albesi Stelvio Casetta, scende mediamente il prezzo del tartufo bianco di 50 euro l’ettogrammo. Casetta aveva previsto che in caso di piogge e calo delle temperature dopo la festa di Ognissanti ci sarebbe stato un nuovo proliferare del prezioso tuber magnatum pico. Quella attuale è infatti la migliore stagione dal punto di vista meteorologico degli ultimi anni, dopo autunni siccitosi o troppo freddi.

Il prezzo del tartufo bianco all’interno del mercato del tartufo è sceso così sotto i 300 euro medi all’etto (a metà novembre 2017 il prezzo all’ettogrammo superava i 700 euro). I tartufi piccoli sono stati venduti tra 250 e 270 euro, quelli più grandi e ambiti tra 300 e 320 euro l’ettogrammo.

«Dopo anni difficili, finalmente questa stagione ci sta regalando grandi soddisfazioni. Alba, le Langhe e il Roero sono invasi da turisti e tutti possono permettersi un piatto con il tartufo bianco, è una soddisfazione anche per noi tartufai poter vendere ad un prezzo più basso», commenta Stelvio Casetta.

A meno di grandi cambiamenti climatici il prezzo dovrebbe mantenersi stabile, con un prezzo medio vicino ai 300 euro l’etto, nell’ultima settimana della Fiera internazionale del tartufo bianco e tenere il prezzo fino a Natale.

Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba