Il Ministro Centinaio ad Alba: “Un modello la vostra sinergia per il turismo”

ALBA Non ha lesinato sui complimenti alla gestione del turismo in Langhe-Roero e Monferrato il ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio nella sua visita ad Alba nel weekend conclusivo della Fiera del Tartufo. Prima di recarsi al Mercato del Tartufo e alla Ferrero, Centinaio è stato accolto da sindaco e autorità in Sala Fenoglio: Marello, il presidente dell’Associazione Commercianti Albesi Giuliano Viglione e il presidente dell’Ente Turismo Luigi Barbero hanno illustrato la crescita e l’impatto del turismo sul territorio nei suoi vari aspetti, da quelli economici a quelli occupazionali. L’incontro è stato occasione per il direttore dell’ATL Mauro Carbone per sottoporre al ministro il progetto di un Osservatorio sul turismo enogastronomico: “L’obiettivo è di dare una risposta a domande standard: cosa abbiamo da vendere ai turisti enogastronomici? Quali aziende sono coinvolte? Chi sono i nostri turisti enogastronomici e cosa comprano? e un monitoraggio del fatturato”.

L’esponente del Governo Conte ha dichiarato: “Mi piace tutta l’operazione turistica che avete fatto: siete riusciti a coinvolgere tutti, privati e Comuni. Siete riusciti ad utilizzare la tassa di soggiorno da 1 euro e 50 per la promozione turistica. Sulla parte legislativa relativa al tartufo bisogna lavorare perché non esiste una normativa fiscale e poi bisogna lavorare sul nostro prodotto nazionale. Servono più controlli. Complimenti. In trent’anni siete riusciti a creare tutto questo vuol dire che si può fare. È un bell’esempio che si può realizzare quando c’è un buon prodotto ed una progettualità dietro”.

La visita al Mercato del Tartufo di Centinaio – che è stato accompagnato nel suo tour dai parlamentari della Lega Giorgio Bergesio e Flavio Gastaldi e dal coordinatore locale del Carroccio Marco Marcarino – è stata occasione per chiedergli un bilancio dei primi mesi da ministro: “In questo momento è positivo, le cose sul tavolo le stiamo portando avanti tutte, a partire dalla legge sulla Xylella e i voucher in agricoltura. Stiamo instaurando ottimi rapporti con le regioni e cercando di costruirne in Europa, che è uno dei luoghi dove vengono prese le decisioni. Sono però un incontentabile, quindi guardo anche al bicchiere mezzo vuoto: vorrei una burocrazia più veloce”, ha risposto.

Interpellato sul TAV, Centinaio ha affermato: “Sono favorevole, come ho già avuto modo di dichiarare in passato anche scatenando le ire di alcuni colleghi del Movimento 5 Stelle. Le imprese ci sono, i turisti ci sono, il potenziale c’è ma bisogna permettere che arrivi. Se crei Matera Capitale della Cultura ma nessuno riesce ad arrivarci non va bene; allo stesso modo puoi avere i tartufi più buoni del mondo ma a che servirebbe se riuscisse ad arrivare nessuno?”, ha spiegato.

Adriana Riccomagno