Lancio del merluzzo e bancarelle caratterizzano la Fera dji plandrun

Paesi, fiumi e strade più sicuri: in arrivo sette milioni e mezzo 1

ALBARETTO DELLA TORRE Puntuale, con la metà di novembre, arriva ad Albaretto della Torre la Fera dji plandrun. Anche quest’anno, domenica 18, si rinnoverà la tradizione, grazie alla Pro loco. Dalle 10.30, il centro storico del piccolo paese si animerà e si colorerà grazie alle bancarelle espositive dedicate ai prodotti della terra, ai formaggi, ai salumi, ai vini, ma anche all’artigianato, alla cultura e alla Creatività. A pranzo, la Pro loco servirà un menù completo nella bocciofila del circolo La torre: in tavola ci saranno polenta e merluzzo, polenta e formaggio, dolce e vino. Nel pomeriggio tornerà il curioso gioco del lancio del merluzzo, oltre ad altri momenti di svago, e si distribuiranno le classiche caldarroste.

L’intrattenimento sarà garantito dal cantastorie Luigi d’Alba e dalla band langarola Cui d’la trifola. Alle 18 arriverà l’atteso momento con Na saira da plandrun, merenda sinoira nella bocciofila. Il banchetto sarà allietato dal duo The angels. Per attirare sempre più visitatori alla fiera, gli organizzatori della manifestazione di Albaretto assicurano che «Essere plandrun per un giorno fa bene a tutti!».

Giorgia Barile

Banner Gazzetta d'Alba