Sabato 29 a San Cassiano torna la 24 ore di nuoto

ALBA Torna la 24 ore di nuoto nella piscina di via Pieroni 3 a San Cassiano nel centro ricreativo voluto da don Gianolio a fine degli anni 70 e in cui si sviluppò il nuoto albese, amatoriale e agonistico.

La 24 ore di nuoto è una staffetta in cui gli atleti delle diverse squadre si alternano in acqua senza interruzioni dalle 18 di sabato 29  alle 18 del giorno dopo.
L’evento è organizzato dall’associazione Liberamente sportivi, parte integrante del Progetto San Cassiano nato nel 2017 per offrire lavoro e esperienze formative a persone in difficoltà e con disabilità fisica o intellettiva.

L’edizione 2019 della 24 ore di nuovo ha il sostegno della fondazione Crc, della seziona albese dei veterani sportivi e del produttore vinicolo Alessandro Rivetto e il patrocinio della Città di Alba e del Consiglio regionale del Piemonte.
La manifestazione di quest’anno vedrà la partecipazione del gruppo sportivo Sportabili di Alba che dal 1990 si occupa di sviluppare le possibilità sportive per le persone con disabilità, e accoglierà gli ospiti delle strutture residenziali per disabili del Consorzio sinergie sociali.

A oggi il progetto San Cassiano ha accolto circa 20 persone inserite con tirocini, stage o assunzioni che vivono situazioni di difficoltà socio-economica o disabilità.  Il contesto protetto del progetto permette loro di esprimersi nel ruolo più adeguato e trovare così la giusta collocazione lavorativa da sviluppare.
Oggi sono 8 le persone che stanno lavorando e collaborando nel progetto.
Molte sono le sinergie territoriali attivate per poter inserire persone con svantaggio; il progetto è in collegamento con i servizi sociali di Alba, gli istituti scolastici albesi, il vicino istituto di formazione Apro, il consorzio Cisa 31 di Carmagnola, il Consorzio sinergie sociali di Alba.