Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Qualità dell’aria: entro fine mese i nuovi provvedimenti regionali

TORINO Sostenere il mondo produttivo piemontese e nello stesso tempo migliorare la qualità dell’aria, andando incontro alle esigenze delle piccole e medie imprese e delle fasce economicamente più deboli della popolazione. Sono i principi cardine dell’azione politica espressa dagli assessori regionali all’Ambiente, Matteo Marnati, alle Attività produttive, Andrea Tronzano, e alla Sicurezza, Fabrizio Ricca,  nell’incontro con le categorie produttive regionali in merito ai provvedimenti da adottare per limitare gli effetti dell’inquinamento atmosferico di origine veicolare.

«Entro il 26 luglio – ha detto l’assessore regionale all’Ambiente, Matteo Marnati –  approveremo lo schema di ordinanza tipo per disporre i blocchi, nel segno del buonsenso e dell’adesione alla realtà, con le deroghe per i cittadini con Isee al di sotto dei 14mila euro. Nello stesso tempo, a partire da settembre, daremo avvio al piano intersettoriale per la competitività, con nuovi criteri anche per consentire la sostituzione dei veicoli maggiormente inquinanti. Eguale impegno sarà dedicato all’efficientamento energetico, con provvedimenti specifici».

All’incontro erano presenti rappresentanti delle categorie produttive piemontesi, fra cui Api, Confapi, Ance, Confindustria, Confartigianato, Unione industriale, Confcommercio, Confesercenti e Anci. Fra le richieste espresse nel corso della riunione, quella di esentare dai blocchi i mezzi d’opera. Da valutare la possibilità di estendere l’esenzione anche nelle festività, come Natale, 8 dicembre e primo gennaio.

«La nostra azione – ha aggiunto l’assessore alle Attività produttive, Andrea Tronzano – si dispiegherà con buonsenso e nel rispetto delle esigenze delle micro, piccole e medie imprese, che attraversano un periodo di sofferenza, tenendo conto del fatto che molte non hanno la possibilità di sostituire il parco mezzi».

«Bisogna iniziare a dare un segnale – ha aggiunto l’assessore alla Sicurezza, Fabrizio Ricca – perché non è solo con i blocchi che si ferma l’inquinamento».