Montà: sessantenne trovato morto nella sua abitazione

Incidente tra moto e auto, muore un artigiano di Cherasco
Immagine d'archivio.

MONTA’  Nella serata di giovedì 5 dicembre il comandante dei vigili montatese Pierlorenzo Caranzano, insieme al Collega Omar Sibona, ha trovato F. C., classe 1959, senza vita nella sua abitazione di via Trieste 3. L’intervento delle forze dell’ordine è stato richiesto dal padrone della casa che il defunto affittava perché era diversi giorni che non vedeva movimenti. I vigili sono entrati nell’abitazione con un duplicato delle chiavi, non hanno trovato segni di effrazione, ma luci e televisione accesa. Infine, sdraiato sul divano, il signor Francesco.

Il medico legale ha dichiarato che la causa del decesso è stato un infarto improvviso (le condizioni generali dell’uomo erano buone, soffriva solo di un leggero diabete) che lo ha stroncato sul colpo nella serata di lunedì 2 dicembre. Il montatese viveva da solo e le autorità hanno dovuto avvisare soltanto l’anziana madre residente a Torino.

«Anche in un paese come questo ci sono povertà peggiori di quella economica. La solitudine, ad esempio. Probabilmente, in questo caso, una segnalazione tempestiva non avrebbe potuto cambiare le cose, ma, in assoluto, un tessuto sociale coeso e solidale, sostenuto da un sano interesse per il prossimo, potrebbe permettere di intervenire in modo più tempestivo e, magari, di salvare vite».

Andrea Audisio

Banner Gazzetta d'Alba