Avevano architettato un complesso sistema per spacciare droga: sei arresti

Individuato l'autore dei raid vandalici contro le attività dell'imprenditore Paolo Damilano

TORINO Avevano architettato un complesso sistema per far arrivare, dalla Spagna, ingenti quantità di hashish e marijuana: si servivano di corrieri ufficiali e di una rete di nomi fittizi, che venivano inseriti sulle pulsantiere dei condomini poco prima dell’arrivo della consegna e di alloggi affittati ad hoc (oltre agli appartamenti in uso agli stessi indagati e all’abitazione della nonna di uno di loro). A finire in manette sono state sei persone (cinque italiani e un albanese) ritenute responsabili di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Le misure applicate vanno dalla custodia in carcere, agli arresti domiciliari, all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Dennis Bellonio

Banner Gazzetta d'Alba