Addio al produttore vinicolo Mauro Daniele. Fu tra i promotori del rilancio della Nas-cetta di Novello

Addio al produttore vinicolo Mauro Daniele. Fu tra i promotori del rilancio della Nas-cetta di Novello
Mauro Daniele (a sinistra) con il fratello Savio.

NOVELLO Quel suo modo di fare garbato ed educato, la sua passione per il vino, il suo sorriso e la sua professionalità erano segni distintivi che apprezzavano tutti quando Mauro Daniele descriveva un vino delle Langhe mentre lo degustava. Gesti semplici con il bicchiere in mano, ma parole chiare che entravano nella mente. Titolare, insieme al fratello Savio, dell’azienda agricola Le strette di Novello, realtà conosciuta in Italia ed all’estero, Mauro Daniele è morto a 57 anni all’hospice di Bra, nell’affetto della moglie Donata, del figlio Lorenzo, della mamma Giuliana, dei fratelli Pierluigi e Savio (con la moglie Silvia e la figlia Ludovica). Mauro e Savio sono stati tra i primi promotori della riscoperta e del rilancio della Nas-cetta, il vitigno autoctono a bacca bianca originario di Novello, e ora apprezzato da molti.

Afferma il fratello Savio: «Mauro ha lottato giorno dopo giorno per sconfiggere il tumore. Negli ultimi anni ha aderito anche a cure sperimentali a Genova che gli hanno permesso di allungare la vita, e di passare anche periodi normali. Ricorderemo sempre la tua tenacia, la sua positività e la sua voglia di stare insieme anche nelle piccole situazioni della vita quotidiana, come mangiare un semplice panino nei giorni delle cure, i pensieri durante il viaggio, il confronto in cantina. Lascia un grande vuoto ma anche splendidi ricordi». Il funerale è in programma martedì 27 luglio, alle 10, nel santuario della Moretta, ad Alba.

Livio Oggero 

 

 

 

Banner Gazzetta d'Alba