Dibattito: Unione Europea e Usa dopo Kabul

Dibattito: Unione Europea e Usa dopo Kabul

POLITICA La recente disfatta occidentale in Afghanistan segna l’ennesimo campanello d’allarme per l’Unione europea: mentre gli Stati Uniti paiono ormai incamminati verso un nuovo isolazionismo, nuove e vecchie potenze si apprestano a colmarne il “vuoto” politico sulla scena globale.

Le democrazie del vecchio continente, già alle prese con derive autoritarie al proprio interno e con pericolose turbolenze lungo i confini, sono ora chiamate a trovare lo slancio necessario per far sì che l’Unione possa ritagliarsi un ruolo da protagonista in un Mondo profondamente mutato.

Riuscirà l’Unione europea a sviluppare una propria autonomia strategica o si incamminerà definitivamente verso l’irrilevanza? Come muteranno i rapporti tra le due sponde dell’atlantico?

Se ne parla nell’incontro Ue e Usa dopo Kabul, promosso da Apice e Europe Direct Cuneo, in collaborazione con il settimanale La Guida, Comune di Cuneo e Commissione europea.

Interverranno   Giovanni Borgognone, docente di storia delle dottrine politiche presso l’Università di Torino ed esperto di politiche internazionali e di rapporti transatlantici, e Adriana Longoni, a lungo responsabile di progetti nell’ambito della cooperazione allo sviluppo e della politica di vicinato per le istituzioni europee.

Introduce Franco Chittolina, vicepresidente di Apice, già funzionario del Consiglio dei ministri Ue e della Commissione europea.

L’incontro avrà luogo martedì 28 settembre alle 18.30 attraverso la piattaforma zoom. Il link per partecipare è: https://bit.ly/UsaUe

Banner Gazzetta d'Alba