Segnalati anche ad Alba numerosi disagi legati alla mancanza di connessione mobile e Internet

Per ogni giorno di interruzione, il cliente ha diritto a un rimborso. Nonostante questo, i clienti sono molte volte scoraggiati dal chiedere di far valere i propri diritti e finiscono per lasciar perdere, a tutto vantaggio delle compagnie telefoniche

Coronavirus, le precisazioni della Regione Piemonte sull'unico numero verde attivo

TELEFONIA Negli ultimi giorni, anche alla redazione di Gazzetta d’Alba sono giunte molte segnalazioni di disservizi per quanto riguarda le linee mobili e Internet. Se il senso comune è solito dare la colpa al maltempo, c’è da chiedersi come una leggera perturbazione possa mandare letteralmente in tilt le reti degli utenti. Il disagio ha colpito anche i luoghi di lavoro: in alcuni uffici, i funzionari hanno dovuto attendere per ore il ripristino del servizio o utilizzare la connessione a singhiozzo. Ieri, mercoledì 15, il malfunzionamento ha interessato anche il liceo da Vinci di Alba.

I gestori che sono stati interpellati hanno preso tempo e promesso che tutto tornerà alla normalità «appena saranno terminate le operazioni di verifica». La legge, in questo senso, è abbastanza chiara: se il problema dell’assenza di linea non è legato alla caduta di pali o ad altri eventi esterni, il servizio deve essere ripristinato entro settantadue ore, così come previsto dall’Agcom. Per ogni giorno di interruzione, il cliente ha diritto a un rimborso. Nonostante questo, i clienti sono molte volte scoraggiati dal chiedere di far valere i propri diritti e finiscono per lasciar perdere, a tutto vantaggio delle compagnie telefoniche. I reclami vanno inviati tramite Pec o posta raccomandata all’indirizzo indicato nel contratto dal proprio gestore.

d.ba.

Banner Gazzetta d'Alba