Recuperato escursionista nella notte, presso l’Alpe Camplasco a quota 1350 metri nel comune di Fobello in Valsesia

FOBELLO Questa notte le squadre del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese sono intervenute nel comune di Fobello (Vc) per recuperare un escursionista bloccato a causa della nebbia e del buio. L’uomo stava percorrendo il sentiero che collega la frazione di Cervatto con il Pizzo Tracciora quando ha dapprima smarrito il percorso a causa della nebbia e poi si è trovato in difficoltà per il buio.

L’escursionista disperso non ha lanciato l’allarme perché aveva perduto il telefono cellulare. Sono stati i suoi famigliari a denunciare il mancato rientro intorno alle 22. Secondo alcuni amici aveva affermato di voler andare al Pizzo Tracciora per cui le ricerche si sono concentrate in quella zona. Dopo che l’autovettura è stata individuata a Cervatto, tre squadre sono partite a piedi lungo 3 diversi percorsi che conducono alla cima

Si sono mobilitate le squadre del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese e del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza che sono partite a piedi per raggiungerlo. Intorno all’1.30 di questa mattina lo hanno ritrovato presso l’Alpe Camplasco a quota 1350 metri, dove si era rifugiato in una stalla abbandonata per trascorrere la notte. Poiché il disperso era in buone condizioni fisiche, è stato riaccompagnato a valle a piedi dove le squadre sono arrivate circa un’ora dopo. Sul posto anche i Vigili del Fuoco.