Caro bollette, Chiara Gribaudo (Pd) chiede misure tempestive

Alpi del Mediterraneo Unesco: la petizione di Chiara Gribaudo ha superato le 2500 firme
La vicecapogruppo del Pd alla Camera dei deputati Chiara Gribaudo.

«CUNEO Dopo l’incontro di Confindustria Cuneo di ieri, venerdì 14 gennaio, sul caro bollette anche la deputata Chiara Gribaudo del Partito Democratico è intervenuta: «L’impennata del costo dell’energia e delle materie prime rischia di bloccare la ripresa dopo i numeri incoraggianti dell’anno scorso, una condizione insostenibile nel lungo periodo per piccole attività, industrie energivore e famiglie. Occorre adottare nuovi provvedimenti e rafforzare le misure adottare dal Governo, dopo i quasi 4 miliardi stanziati alla fine del 2021».

Ha poi proseguito: «In questo momento è importante intervenire tempestivamente. La via maestra è quella fiscale, con una riduzione della tassazione sul costo della bolletta elettrica. Le coperture per nuovi provvedimenti possono esser trovare sfruttando le entrate dalle aste delle quote di emissione, chiedendo un contributo agli operatori energetici e alla finanza che in questo momento stanno realizzando extraprofitti e prevedendo anche uno scostamento di bilancio. Molte aziende rischiano di chiudere, occorre intervenire il prima possibile – conclude Gribaudo – serve anche dare continuità all’azione di Governo e garantire stabilità politica».

Sul numero di martedì 18 gennaio il servizio sul convegno “Arginare il caro energia: le proposte di Confindustria”.

 

Banner Gazzetta d'Alba