I commercialisti scelgono l’albese Bosticco per la presidenza dell’Ordine

ASTI L’Ordine dei commercialisti ed esperti contabili di Asti, che ricalcando la competenza del Tribunale di Asti, comprende anche Alba, Bra e Carmagnola ha eletto presidente l’albese Giovanni Bosticco.

L’ex assessore in carica durante il primo mandato del sindaco Maurizio Marello e che è anche stato alla guida di Apro, sarà affiancato dal vicepresidente Giorgio Bertolino, dal segretario Claudio Chiusano e dal tesoriere Massimo Giaccone. Completano il  Consiglio Giovanni Bertone, Paola Gatto, Corrado Germano, Margherita Luisa Mollo e Mariella Scarzello.

Si è insediato anche il Collegio dei revisori, composto da Angelo Dabbene (presidente), Pierluigi Cetera e Cesare Girello.

I commercialisti scelgono l’albese Bosticco per la presidenza dell’Ordine
Giovanni Bosticco

Importante novità di queste elezioni è stata l’istituzione Comitato pari opportunità, che, tra gli altri compiti avrà anche quello di predisporre il bilancio di genere.  Il Comitato è così composto: Mariella Scarzello (presidente), Giuseppina Casucci, Elda Maria Clapasson, Roberto Monticone ed Elisabetta Moraglio.

«Il ruolo dei dottori commercialisti è centrale nel rapporto tra pubblica amministrazione e cittadini, ma è ancor più essenziale per accompagnare le imprese nei meandri di una burocrazia che sempre più spesso rischia di soffocare l’intraprendenza e la creatività dei nostri imprenditori», spiega il neo presidente.

«Il nuovo Consiglio è motivato a continuare, nel solco tracciato dai precedenti consiglieri, una importante opera di tutela e formazione degli iscritti e di ausilio nei rapporti tra le autorità pubbliche, i cittadini e le imprese in ambito economico e fiscale».

Il primo impegno che attende il nuovo consiglio sarà la nomina dei rappresentanti della categoria in seno al Consiglio nazionale, organo di vertice che, a Roma, contribuisce a determinare gli indirizzi e le scelte dei nostri parlamentari.  «In accordo con il coordinamento degli ordini Piemontesi si è concordato di dare un preciso mandato ai colleghi che “andranno a Roma” affinché si spendano per lo snellimento delle procedure burocratiche in ambito fiscale e previdenziale e per la promozione dell’immagine della categoria dei commercialisti», conclude Bosticco.

Banner Gazzetta d'Alba