Ultime notizie

È morto Massimo Salamano, fu tra i fondatori dell’Associazione per la rinascita della Valle Bormida

Addio ad Adriana Ghelli: per molti anni in prima fila contro l'inquinamento causato dall'Acna
Una delle tante manifestazioni di protesta contro l'Acna degli Anni '80-'90.

ACQUI TERME È morto, nella notte tra domenica 5 e lunedì 6 febbraio, il professor Massimo Salamano, 75 anni, naturalista e importante esponente del Movimento che tra gli anni ‘8o e ‘9o rilanciò la protesta della Valle Bormida contro l’inquinamento causato dall’Acna di Cengio. Fin dagli anni ’70 Salamano fu tra i primi a occuparsi del disastro ambientale della zona e quando, nel 1987, nacque l’Associazione per la rinascita della Valle Bormida, mise a disposizione le sue competenze. «È stato una figura importante dal punto di vista tecnico. Nei tempi bui ha saputo tenere viva la fiammella che poi si è riaccesa negli anni ’80». Così lo ricorda l’ingegner Ilvo Barbiero, altra figura di spicco del Movimento valbormidese che lottava per la chiusura dell’Acna e il rilancio della Valle Bormida. Negli anni scorsi Salamano realizzò un importante documento filmato, dal titolo L’avvelenamento della Val Bormida nel quale sono stati raccolti servizi televisivi, interviste e testimonianze su oltre quarant’anni della vicenda Acna, dal 1969 al 2013. Il funerale del professor Salamano sarà celebrato mercoledì 8 febbraio, alle 15.30, nel Duomo di Acqui Terme.

c.o.

Banner Gazzetta d'Alba