958 Santero presenta al Vinitaly 2024 il libro romanzo sulla storia di famiglia e sul brand

958 Santero protagonista assoluto del brindisi di Capodanno sulla Rai
Gianfranco Santero

SANTO STEFANO BELBO La storia da romanzo di una famiglia che ha fatto del vino le fondamenta di un’impresa arrivata alla quarta generazione. La narrazione delle gesta di donne e di uomini che hanno creduto nel valore delle proprie radici e le hanno fatte diventare ali per riuscire a raggiungere traguardi professionali e personali. C’è questo al centro di Con la vigna negli occhi – Il segreto di 958 Santero, il vino che sa di futuro, il libro che racconta la storia dei Santero di Santo Stefano Belbo, saldamente alla guida di un gruppo vitivinicolo con un brand che negli anni è sempre più ricercato e apprezzato, in Italia e all’estero. Il volume sarà presentato al 56° Vinitaly, in calendario a Verona dal 14 al 17 aprile. È edito dalla Casa editrice Rubbettino ed è inserito nella collana La bellezza dell’impresa diretta dal giornalista e scrittore piemontese, Adriano Moraglio. L’autore è il giornalista Filippo Larganà, anche lui piemontese. L’appuntamento è per lunedì 15 aprile, alle 17, nello stand di 958 Santero, Padiglione 5, stand B7. Per l’occasione ci sarà un aperitivo con le bollicine e i prodotti firmati 958 Santero.  958 Santero presenta al Vinitaly 2024 il libro romanzo sulla storia di famiglia e sul brand

Ma com’è nata l’idea di un romanzo sull’impresa di famiglia 958 Santero? Spiega Gianfranco Santero, presidente del gruppo 958 Santero: «Non volevo che fosse un libro autocelebrativo, né commerciale. Doveva essere la storia della nostra famiglia e dell’azienda che fondò mio nonno, come la intendiamo ancora oggi, alla fine degli anni Cinquanta del Secolo scorso e che, prima mio padre e i miei zii, e oggi io, i miei cugini Lorenza e Pierpaolo, e i nostri figli, stiamo portando avanti».

958 Santero presenta al Vinitaly 2024 il libro romanzo sulla storia di famiglia e sul brand 1
Filippo Larganà

Aggiunge Filippo Larganà: «Raccontare la storia di una famiglia è un viaggio tra sentimenti, emozioni e ricordi. Quella della famiglia Santero e del brand 958 Santero è stato questo, ma è stato anche il racconto di una visione e delle vite degli uomini e delle donne che l’hanno portata a termine e oggi la rinnovano con il loro impegno e lavoro». Il racconto comincia con la cascina di famiglia a Calosso, paese in provincia di Asti a pochi chilometri da Santo Stefano Belbo. Lì, nel 1889 nasce e cresce Pietro Santero che avrà la visione della dimensione commerciale delle vigne di suo padre e, con l’aiuto della moglie Pierina, costruirà le basi dell’azienda attraverso mille difficoltà ed eventi, anche drammatici, che segnarono la storia d’Italia e del mondo in quegli anni.

«Il libro», annota Gianfranco Santero, «racconta la storia di famiglia, ma anche quella dell’azienda, di come sono nati alcuni prodotti, idee, progetti e collaborazioni che hanno fatto diventare 958 Santero un brand di tendenza che in qualche modo ha innovato e rinnovato la comunicazione nel mondo del beverage». E di innovazioni 958 Santero ne ha lanciate e ne lancia moltissime. L’ultima, in ordine di produzione, è una linea dedicata all’Horeca, poi c’è la gamma Italian Aperitivo, con Aperitivo Red e Aperitivo Orange, nel solco della grande tradizioni italiana degli aperitivi, in purezza e nella mixology. Non manca un tributo allo Spritz con il Ready to Drink in versione classica e anche analcolica, uno dei trend più moderni del bere di oggi.

Tra i prodotti che 958 Santero presenterà a Verona, anche le iconiche bottiglie POP, le lattine eco-friendly, l’Asti docg Otto e Mezzo che testimonia il legame con il territorio, le bottiglie illustrate da artisti tra cui Romero Britto, pittore, scultore e serigrafia brasiliano della corrente neo-pop che ha creato illustrazioni su licenza in esclusiva per 958 Santero, e quelle dedicate all’indimenticata stella del Calcio mondiale, Diego Armando Maradona e alla squadra del Napoli che lo ebbe tra i suoi calciatori insieme al brand “D10S” nato dalla collaborazione con Stefano Ceci, che fu amico e socio di Maradona e ne cura i diritti di immagine, fino alle bottiglie della serie Love e ai millesimati extra dry. Insomma un mosaico di creazioni e di bollicine che fanno festa in perfetto “italian style”.

Banner Gazzetta d'Alba