Alba e Avignone, uno scambio che non si ferma dietro i banchi

ALBA Si è conclusa l’8 febbraio la fase di ritorno dello scambio che vede protagoniste le due classi del quarto anno – seconda B e C – del liceo classico internazionale Giuseppe Govone e gli studenti del lycée Ren Char di Avignone. Questa volta, dopo aver ospitato nelle nostre famiglie i corrispondenti a ottobre, siamo stati noi albesi a recarci Oltralpe per sei giorni, durante i quali abbiamo potuto prendere parte a un breve orientamento universitario e a numerose lezioni di letteratura e storia francese in lingua. Questo ci ha permesso di anticipare alcuni periodi storici e culturali che affronteremo durante il nostro anno di «classe terminale» e che saranno oggetto della quarta prova all’esame di Stato per conseguire il Bac, il diploma di maturità francese. In questo modo abbiamo anche potuto verificare le nostre competenze linguistiche e di analisi, ottenendo molti complimenti da parte dei docenti francesi che abbiamo incontrato, i quali hanno apprezzato i nostri interventi e l’attiva partecipazione alle loro lezioni.

Avignone 2014

Nel corso del nostro soggiorno in Francia non sono comunque mancati momenti dedicati alle visite a scopo culturale: abbiamo infatti potuto visitare il Palais des papes, il pont Saint-B‚n‚zet e anche la Fontaine de Vaucluse, luogo di ispirazione del poeta Francesco Petrarca.

Per noi studenti questo scambio è stato non solo un momento di apprendimento, ma anche di crescita: abbiamo dovuto adattarci in poco tempo a ritmi di vita, famiglie e case nuove, e anche a un sistema scolastico molto diverso. Sebbene il ritorno sia stato un po’ triste per tutti e al momento della partenza si siano visti tanti abbracci e anche qualche lacrima, serberemo un ottimo ricordo di questa esperienza.
 Aurel Stoica

Avignone 2014 ter

Banner Gazzetta d'Alba