Alba, Carlo Bo: «La cittadinanza onoraria diamola alle famiglie italiane in difficoltà»

ALBA Nelle scorse settimane, ad Alba, la quarta commissione consiliare ha discusso un ordine del giorno presentato dal consigliere di maggioranza Paola Farinetti, che propone il conferimento della cittadinanza onoraria al primo bambino straniero nato ad Alba nel 2015. Un’iniziativa che, nonostante i pareri favorevoli del centro-sinistra, sta facendo discutere.

Dopo Emanuele Bolla di Fratelli d’Italia che ha annunciato l’intenzione di indire un referendum contro la proposta di Farinetti, è intervenuto anche il capogruppo consiliare di Forza Italia Carlo Bo. Ecco le sue parole: «È lecito e giusto che ogni consigliere comunale possa sottoporre un’iniziativa al Consiglio secondo la propria personale sensibilità e coscienza. Ben vengano quindi tutte le proposte ma personalmente ritengo che, se proprio si deve conferire un’onorificenza, questa debba andare alle tante famiglie che vivono con meno di mille euro al mese e che riescono a pagare gli studi ai propri figli, l’affitto e le bollette senza chiedere niente a nessuno. Queste persone sono dei veri e propri “eroi moderni” che, nonostante tutto, riescono a mantenere una dignità tale da meritare un riconoscimento e un aiuto concreto, perché molto spesso sono proprio quelli che, per orgoglio e vergogna, aiuti non ne chiedono».

Banner Gazzetta d'Alba