L’abbraccio di papa Francesco al Piemonte

Francesco 43 AAATORINO. Papa Francesco è tornato nella terra dei suoi avi, per la prima volta da quando è salito al soglio pontificio. Per Francesco il viaggio apostolico a Torino è carico anche di ricordi personali. «Sono nipote di questa terra benedetta», ha ricordato nell’Angelus. Nel capoluogo piemontese si sono uniti in matrimonio, nel 1907, i nonni paterni, Giovanni Bergoglio e Rosa Vassallo, ed è stato battezzato, l’anno dopo, il padre, Mario Bergoglio. E proprio nella chiesa di Santa Teresa c’è stato l’unico fuori programma: una visita lampo, papa Francesco ha deposto sull’altare un vaso di rose gialle e ha pregato per qualche minuto. «Non gli abbiamo chiesto di venire, l’ha voluto lui», ha spiegato padre Giustino Zoppi, superiore provinciale dei Carmelitani scalzi.

Nessuno ha dimenticato la “piemontesità” di papa Francesco, accolto con il saluto “Cerea” e con una frase in dialetto degli stessi giovani dell’happening degli oratori: «I giovin àt veulu bin» (I giovani ti vogliono bene). Il Papa ha ricordato quanto forte sia il contributo di Torino nel campo del lavoro: «È storicamente un polo di attrazione e anche se oggi risente fortemente della crisi, ha nel suo territorio ancora notevoli potenzialità di investire per la creazione di lavoro». Ma Torino ha portato ricchezza anche con i suoi santi sociali, a cominciare da don Bosco, e da Giuseppe Cottolengo, l’ideatore della “Piccola casa della Divina Provvidenza”. «Nell’Ottocento», ha osservato papa Francesco, «Torino era una città massonica, anti-clericale, anche demoniaca. Ma fate il conto di quanti santi sono usciti da qui».

Nell’omelia, durante la Messa del mattino, papa Francesco ha reso omaggio alla terra dei suoi avi e parlato della sua piemontesità. Tutti i dettagli sul numero in edicola di Gazzetta d’Alba.

Francesco 40

 

 

 

 

 

 

 

 

Per vedere le foto di Papa Francesco a Torino clicca qui:

http://www.gazzettadalba.it/2015/06/papa-francesco-a-torino-una-giornata-memorabile/

Per il resoconto del pellegrinaggio degli albesi a Torino, clicca qui:

http://www.gazzettadalba.it/2015/06/in-novecento-davanti-al-volto/

 

Banner Gazzetta d'Alba