Santuario dei Piloni più bello grazie a 250 ore di volontariato

MONTÀ Anche il 2015 è stato un anno di grandi cambiamenti per il santuario dei Piloni di Montà. Sono state tante le associazioni che hanno dedicato circa 250 ore per la pulizia del Sacro Monte da marzo a novembre: Alpini, Cacciatori, Ciclisti, Toro club, Juventus club, Borgo Nuovo, Borgo Madonnina, leva 1949, leva 1966, Banda musicale, Polisportiva, Sci club, Associazione incendi boschivi e Munta e cala. Accanto alla manutenzione straordinaria sono stati tanti gli interventi mirati. A gennaio sono state potate le piante del viale di ingresso e del parcheggio mentre a partire da febbraio hanno preso il via i lavori di ristrutturazione delle ultime tre cappelle che compongono la Via crucis (con il contributo degli Alpini, della frazione San Vito, della signora Margherita e delle famiglie Casetta e Griffa). A marzo l’Ecomuseo ha finanziato la ricostruzione della staccionata in legno che circonda il Santo Sepolcro e, in luglio, è stata ultimata la ristrutturazione della Grotta dell’Agonia sponsorizzata da Paolo Cerutti della ditta “Dal trifulè”.

Montà Santuario dei PiloniNei mesi estivi il santostefanese Doro e gli amici della bocciofila montatese hanno curato il sottobosco in tutto il parco del santuario, che ha accolto migliaia di fedeli e turisti.

Gli appuntamenti più importanti sono stati la Via crucis quaresimale, la festa di San Giacomo a luglio e la giornata della Croce luminosa a fine agosto. I Piloni hanno anche ospitato un raduno di auto d’epoca e i bambini delle scuole montatesi che, con le tende, hanno campeggiato per due giorni al Sacro Monte.

a.au.

Banner Gazzetta d'Alba