Il dott. Iannini lascia l’ospedale di Alba

Il dott. Iannini lascia l'ospedale di Alba

ALBA Ha salutato tutti i colleghi dell’Asl Cn2 con una lunga e affettuosa lettera Rocco Iannini, per 22 anni direttore del servizio trasfusionale proprio da lui avviato, che dopo aver dato le dimissioni ha concluso la propria esperienza all’ospedale San Lazzaro col mese di giugno.
Trentacinque anni di attività come medico ospedaliero, di cui 22 impegnati al trasfusionale del nosocomio albese, che ha consentito alla struttura di affrancarsi dalla necessità di ricorrere ad altri ospedali per il fabbisogno di sangue: «In questi anni mediamente abbiamo distribuito quattromila sacche di sangue all’anno, senza mai aver avuto un incidente trasfusionale, nemmeno lieve. Abbiamo effettuato circa 40mila esami di immunoematologia all’anno, dedicando particolare attenzione alla prevenzione della malattia emolitica del neonato durante la gravidanza e il parto», ha spiegato il medico a Gazzetta.
La ragione principale per cui Iannini ha deciso di dimettersi sono i mutamenti economici e politici che negli ultimi anni molto hanno pesato sulla sanità pubblica: «Ma mi sento così radicato e legato ad Alba che continuerò a vivere e lavorare su questo territorio», commenta.

a.r.

Banner Gazzetta d'Alba