Tra i prossimi lavori finanziati ci sono la tangenziale di Mondovì e la variante di Demonte e Vinadio

Lavori sulla tangenziale di Alba nella zona di Mussotto

ROMA Il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha approvato il “Contratto di programma” fra il Ministero Delle infrastrutture e dei trasporti e l’Anas per il periodo 2016-2020 che prevede opere per circa 23,4 miliardi di euro.

Per ciò che riguarda la provincia di Cuneo sono previste per il 2018 il primo lotto della variante di Demonte e Vinadio, per un importo di circa 50 milioni; per il 2019 il terzo lotto della tangenziale di Mondovì, per un importo di circa 100 milioni. Il tratto collegherà l’attuale tangenziale, da località Beila, alla Statale 28 all’altezza della cosiddetta “Casa Rigata”, e si sviluppa per un totale di 2,7 km, con una galleria di 1.430 metri e un viadotto di 570.
Tra le opere di adeguamento e messa in sicurezza, infine, è prevista l’appaltabilità al 2019 di tre interventi inerenti la Statale 28, nel tratto compreso fra Ceva ed Ormea per un importo totale di circa 40 milioni.

Il monregalese Enrico Costa confermato ministro

«È un risultato molto importante – commenta l’onorevole Enrico Costa – perché si certificano, nero su bianco nell’atto di programmazione dell’Anas, queste opere fondamentali per la viabilità della nostra provincia.
Occorrerà ora monitorare e sollecitare i passaggi successivi, sia progettuali che realizzativi».

Banner Gazzetta d'Alba