Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Riposa in pace, dice Armstrong

La notizia della scomparsa di Pietro Ferrero ha fatto il giro del mondo in poche ore, diventando un evento globale, come è mondiale la fama dell’azienda dolciaria nata ad Alba e, soprattutto, dei suoi prodotti. I messaggi postati su Twitter si contano a migliaia, provenienti davvero dai quattro angoli della terra.

Tra i primi a ricordare il “collega” ciclista è stato il campione Lance Armstrong che ha scritto “Rip (rest in peace, riposa in pace) Pietro Ferrero”.

I quotidiani stranieri hanno dato grande risalto alla fatale pedalata e i titolisti hanno sempre affiancato al nome Ferrero quello dei prodotti. È il segno che la riservatezza che la famiglia Ferrero ha sempre conservato ha reso più popolari i prodotti rispetto al nome e al marchio dell’azienda che li realizza.

I media internazionali hanno anche sottolineato l’importanza della figura di Pietro per il gruppo e la necessità di trovare rapidamente un successore. Anche per questo una delle poche note ufficiali diffuse dall’azienda ha riportato: «Tocca ora al fratello Giovanni continuare a guidare il gruppo Ferrero verso traguardi ancora più alti, tenendo forti e vive l’ispirazione e la motivazione sociale, da Pietro sempre fermamente volute».

g.s.