Due bracciate con vista

Dopo le verifiche di rito, sabato scorso è stato inaugurato il complesso esterno di piscine dell’impianto comunale di San Cassiano. Idromassaggi geyser, lettini idromassaggianti, fiume controcorrente e una vasca da 25 metri per 8, ma anche scivoli per i bambini, una laguna d’acqua di circa 400 metri quadrati con profondità da 0 a 80 centimetri, aree verdi e campi da beach volley: sono le novità dell’intervento.

 

 

Si è dovuto aspettare molto per chiudere l’intervento; i lavori hanno subìto ritardi in seguito ai ritrovamenti archeologici di epoca romana e all’intervento della Soprintendenza; nel complesso, però, i responsabili della Società che gestisce l’impianto – il Centro sportivo del Roero (Csr) – si dicono soddisfatti di come sono andate le cose. «Abbiamo sostenuto una spesa superiore rispetto a quella che era stata preventivata di 400 mila euro », ha dichiarato Luca Albonico del Csr. «Lo spostamento delle vasche imposto dalla Soprintendenza e la necessità di procedere agli scavi con ditte specializzate al trattamento di reperti archeologici hanno fatto lievitare i costi. Però, man mano che il progetto procedeva, ci siamo convinti della sua bontà e abbiamo deciso di investire qualche cosa in più».

Anche il sindaco Maurizio Marello ha accolto con soddisfazione l’apertura del complesso: «La piscina si trova in una zona pedecollinare molto bella. Per la città poi si tratta di un servizio importante, che si affianca a quello della piscina al coperto».

Nel 2004 il Csr e il Comune stipularono una convenzione per la quale piazza Duomo si impegnava alla realizzazione del complesso interno e il Csr dell’area esterna. Nel giro di pochi anni l’interno fu completato: due vasche e un primo piano con palestra e zona ristoro. Poi è stata la volta dell’esterno, ma i primi scavi hanno rivelato l’esistenza di resti archeologici di una villa romana. I lavori sono quindi slittati di molti mesi e finalmente si sono conclusi quest’anno, in tempo utile per l’apertura estiva.

Pochi sono i dettagli che restano da mettere a punto. Uno di questi è ad esempio la climatizzazione dell’acqua, molto utile soprattutto in presenza di temperature variabili come in questo preludio di estate. «Abbiamo previsto diverse forme di abbonamento, che sono già disponibili presso la nostra struttura », ha detto Albonico. «Si può acquistare un biglietto giornaliero, oppure ci sono i carnet da 10 entrate, gli abbonamenti settimanali, mensili e stagionali. Tutti danno accesso all’interno o all’esterno della piscina».

a.c.