Alba: l’associazione Ho cura è vicina ai malati terminali

L’Asl promuove lezioni gratuite per formare badanti, familiari, volontari

ALBA L’associazione di volontariato Ho cura Onlus, nata nel 2015 ad Alba, è attiva nel campo delle cure palliative e oggi conta un centinaio di iscritti. Oltre a promuovere una corretta informazione sul tema, i volontari sono a fianco dei malati terminali e delle loro famiglie, con l’assistenza domiciliare o in struttura. Sono anche disponibili ad assistere malati non terminali, ma che necessitano temporaneamente di cure palliative.
L’associazione si è presentata durante il convegno “La dignità non ha fine”, il primo evento promosso dal gruppo Terziario donna Alba. Ad affrontare il tema delle cure palliative è stata la vicepresidente di Ho cura, Maria Vittoria Oddero: «Sono rivolte agli ammalati che non rispondono più ai trattamenti».
Le cure palliative si basano su un approccio multidisciplinare, che implica l’intervento di medici, infermieri, fisioterapisti, psicologi e volontari, così da dare risposte mirate al dolore fisico, psicologico e spirituale dei malati. «La stessa attenzione è rivolta ai familiari del paziente, perché soffrono in egual modo», spiega Oddero.
In Italia le cure palliative sono un diritto, come sancisce la legge numero 38 del 2010, ma c’è ancora molta strada da fare: «Due anni fa è stato aperto l’hospice nell’ospedale di Bra. È un reparto con professionisti qualificati, ma i posti letto sono soltanto otto. Una risposta potrebbe provenire dall’assistenza domiciliare, ma il personale è ridotto», continua la vicepresidente.
La legge sul testamento biologico prevede il dovere del medico di alleviare le sofferenze del paziente. È in questo frangente che si inseriscono le cure palliative e l’attività di Ho cura, come ha concluso Oddero: «Assistenza significa vicinanza al malato e alla sua famiglia, a partire dal sostegno nelle incombenze quotidiane».
Per contattare l’associazione si può scrivere all’indirizzo e-mail hocura@libero.it.
Francesca Pinaffo

Banner Gazzetta d'Alba