Alba e Pesaro a Parigi per la Festa italiana

PARIGI Giovedì 6 giugno, nella prestigiosa e storica sede dell’Istituto italiano di cultura di Parigi si è svolta la Festa italiana, appuntamento sentito dalle delegazioni estere per celebrare la Festa della Repubblica. Un evento con la partecipazione di numerose personalità di spicco del panorama parigino, accanto ai mezzi di informazione francesi. Perfetto padrone di casa l’ambasciatore Massimo Riccardo, dallo scorso novembre rappresentante permanente d’Italia all’Unesco di Parigi.

L’ambasciatore ha fortemente voluto tematizzare la festa 2019 sulle città creative Unesco, grazie ad un bouquet sempre più numeroso di città che negli anni hanno ottenuto questo ambito riconoscimento. La serata, in particolare, è stata l’occasione per presentare Alba e Pesaro, rispettivamente città creative per la gastronomia e per la musica.

Alba ha presentato il suo evento di punta, svelando qualche anticipazione della prossima 89ª edizione della Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba dal 5 ottobre al 24 novembre 2019, mentre Pesaro ha presentato il Rossini opera festival, dando agli ospiti un piccolo assaggio grazie ad un récital di bel canto.

 

Al termine, gli ospiti hanno degustato la cucina di Langhe Roero, grazie alla mano esperta dello chef Luciano Tona, già direttore dell’Accademia Bocuse d’or Italia, che ha elaborato un menù a base di prodotti del territorio.

 

Per Alba hanno presenziato all’evento Liliana Allena, in veste di presidente dell’Ente Fiera internazionale del tartufo Bianco d’Alba nonché delegata della Città di Alba, e Stefano Mosca, direttore dell’Ente Fiera internazionale del tartufo Bianco d’Alba.

 

Oltre alla visibilità internazionale, all’evento sono state gettate le basi con possibili partner per futuri progetti di collaborazione che, grazie alla presenza di Alba nel network Uccn, potranno avere buone ricadute sul settore culturale e turistico di Langhe e Roero.