Diano: prosegue la rinascita della tenuta di San Sebastiano

Diano: prosegue la rinascita della tenuta di San Sebastiano

DIANO Nell’ultimo Consiglio comunale il sindaco Ezio Cardinale ha annunciato il finanziamento da un milione e 250mila euro concesso dalla Regione nell’ambito del programma operativo Por-Fesr per il completamento delle opere di restauro conservativo dello Spianamento-San Sebastiano. Il contributo si aggiunge a quello ottenuto dalla fondazione Crc (1 milione e 995mila euro suddivisi in quattro fasi per gli anni 2017-2020), tramite il bando Faro per il progetto Langa del sole che coinvolge 19 paesi. La tenuta dello Spianamento comprende il giardino, alberi secolari e un immobile donato al Comune da Maria Barbara Cardone per destinarlo a scopi sociali. L’intera struttura ha un’estensione che copre quasi interamente borgo Remondato.

Diano: prosegue la rinascita della tenuta di San Sebastiano 1
A fine settembre la tenuta di Diano ha ospitato la prima edizione del Servaj festival.

Nell’ambito di Langa del sole, sono in corso i lavori del terzo lotto, che prevedono la sistemazione del giardino, il restauro dei serramenti, della casa museo della palazzina di loisir dei conti Rangone di Montelupo, la realizzazione dell’impianto idrico-sanitario, dell’impianto per la termoventilazione, dell’impianto elettrotecnico con le dotazioni speciali previste e degli impianti speciali per il sollevamento delle persone. Nel rustico della tenuta sarà allestito invece il Diorama delle suggestioni, riferito ai 19 paesi partner del progetto.

Riguardo al recente finanziamento regionale, il sindaco spiega: «Il progetto iniziale, che verrà in parte ridefinito, creato ad hoc per cercare di ottenere quest’ultimo consistente contributo, riguarderà la ristrutturazione e il consolidamento delle due ali dell’immobile donato, pochi anni addietro, al Comune dall’illuminata e compianta dottoressa Barbara Cardone. Inoltre la posa di un fondo di pregio sarà effettuata sulla strada comunale adiacente lo Spianamento, sulla quale si affaccia, altresì, la cappella dedicata a San Sebastiano. Così come verranno ripristinati i muri in pietra che circondano il complesso».
Le due ali della tenuta saranno in futuro adibite a foresteria e ad alloggi per ospiti istituzionali. «Inoltre stiamo valutando di istituire in loco l’ufficio turistico e una scuola di cucina di Langa interattiva, per i turisti e, ovviamente, per chiunque risultasse interessato», ha detto Cardinale. I tempi indicati dalla Regione per il compimento dell’opera sono ristretti: entro dicembre 2021. L’entusiasmante sfida, dunque, è aperta.

Giorgia Barile

Banner Gazzetta d'Alba