Diffamazione nei confronti del candidato 5 stelle, inizia il processo alla vicesindaco di Alba

Il Garante della privacy: "Attenzione a pubblicare le foto dei figli sui social"

ASTI La Procura della Repubblica di Asti ha rinviato a giudizio, per diffamazione a mezzo stampa, Carlotta Boffa, attuale vicesindaco di Alba, fissando la data del dibattimento a mercoledì 8 luglio, in Tribunale. I fatti contestati si riferiscono alla campagna elettorale per le elezioni Comunali 2019; secondo l’accusa avrebbe diffamato tramite i social media l’allora candidato sindaco del Movimento 5 stelle Giorgio Degiorgis.

Gli avvocati PierMario Morra e Silvia Calzolaro in merito al procedimento penale in cui è imputata la vicesindaco di Alba Carlotta Boffa per il reato di diffamazione dichiarano: «La nostra assistita durante la campagna elettorale del 2019, pur essendo oggetto di attacchi pesantissimi, non ha mai voluto sporgere querela contro nessuno. Boffa ha sempre inteso come la battaglia politica a volte possa anche essere dura e polemica. Le frasi oggetto della presunta diffamazione per cui c’è il processo sono ampiamente nel perimetro della critica politica. La vicesindaco, nel rispetto del lavoro della magistratura, è fiduciosa di poter dimostrare di non aver diffamato alcun avversario politico».

Banner Gazzetta d'Alba