La Regione Piemonte autorizza le cure della bimba libanese di 2 anni affetta da leucemia

Il maxi piano da 800 milioni di euro per far ripartire il Piemonte

La Regione Piemonte ha autorizzato la Divisione di Oncoematologia pediatrica del Regina Margherita di Torino a prendere in carico la bimba libanese di 2 anni affetta da leucemia. Segnalato al governatore Alberto Cirio dal consigliere regionale Marco Grimaldi (Luv), l’appello lanciato dal dottor Luciano Griso, che per la Federazione delle Chiese evangeliche si occupa di corridoi umanitari, ha quindi avuto un immediato riscontro. La bimba sarà curata dalla struttura diretta dalla professoressa Franca Fagioli.

La speranza, sottolineano il governatore Cirio e l’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, è che le cure per la piccola paziente libanese possano essere efficaci e risolutive.

“Non si è perso neppure un minuto, perchè quando si tratta di salvare vite umane è fondamentale essere tempestivi: la particolare situazione del Libano richiedeva una risposta immediata – dicono -. Ora la parola passa ai medici che hanno il compito delicato di garantire le cure migliori. Il Piemonte, anche in questa circostanza, dimostra di avere grande umanità e si stringe alla piccola e alla sua famiglia.

Ansa

Banner Gazzetta d'Alba