Canale: la tassa rifiuti si pagherà in due rate a dicembre e febbraio

CANALE  Il Consiglio comunale, condotto dal vicesindaco Gianni Gallino a causa dell’assenza del sindaco per impegni lavorativi, ha approvato il regolamento per la disciplina della tassa rifiuti. Sono state discusse anche le tariffe della Tari per il 2020 e le misure di sostegno in seguito all’emergenza Covid-19. La normativa prevede che tutte le esenzioni debbano essere finanziate a carico del bilancio e non superino il 7 per cento dei costi complessivi del servizio. Le agevolazioni alla casa di riposo e ai luoghi di culto avranno un costo complessivo di 6.219 euro. Sono state introdotte agevolazioni sulla Tari per le utenze non domestiche sottoposte a chiusura forzata nella fase da marzo a maggio presentando, entro il 21 ottobre, apposita istanza di riduzione che attesti il periodo di effettiva chiusura dei locali. Chi ha sospeso l’attività e l’ha riaperta entro il 4 maggio avrà uno sconto del 20 per cento, che sale al 25 per cento per chi ha riaperto dopo il 18 maggio. Gli esercizi non sottoposti a sospensione ma che hanno comunque registrato una difficoltà economica a causa dell’emergenza avranno una riduzione del 10% sul pagamento della Tari. Per il 2020 la Tari può essere divisa in due rate: il 2 dicembre 2020 e il 2 febbraio 2021 oppure tutta entro il 2 dicembre. Il Consiglio ha poi provveduto alla presa d’atto del Piano economico finanziario del servizio integrato di gestione dei rifiuti 2020, validato dal Coabser. Per il Comune di Canale la somma totale delle entrate tariffarie ammonta a 674mila euro. L’attivazione del sacco prepagato ha comportato una riduzione media del 26 per cento dei costi di smaltimento, mentre l’attivazione dell’ecosportello ha avuto un costo di 5.856 euro.

Il Consiglio ha anche poi approvato, con l’astensione della minoranza, una variazione al bilancio di previsione che prevede 35mila euro per la costruzione e l’ampliamento dei percorsi pedonali di via Mombirone e viale del pesco, 4.100 euro per l’acquisto di una lavapavimenti per la palestra scolastica, 20mila euro per la manutenzione straordinaria all’enoteca e 5mila euro per la biblioteca. Sempre con l’astensione della minoranza è stata accolta un’ulteriore variazione che vede la destinazione di 15mila euro all’Academy calcio: 5mila come contributo e 10mila per i lavori di sistemazione di campi e spogliatoi, svolti dai volontari della stessa associazione.

Elena Chiavero