Dal gruppo Tcn nasce Alba, il cart ecologico per andare nei centri storici

ALBA La commissione edilizia del Comune di Alba approva il progetto di ampliamento del polo Tcn group in corso Asti. L’ampliamento prevede la realizzazione di un nuovo stabilimento di 8mila metri quadrati adiacente all’attuale sito produttivo e collegato al fabbricato esistente tramite superfici coperte di circa 1.800 mq, portando la superficie edificata totale del complesso a 53mila metri quadrati. La nuova area accoglierà l’espansione delle attività meccaniche di alcune delle aziende del gruppo che punta ancora a crescere creando occupazione. Dal 2017, quando Tcn-Bianco si è installato in corso Asti, sono stati creati oltre 70 posti di lavoro, soprattutto in ambito meccanico, portando il numero totale degli addetti a 420.

Dal gruppo Tcn nasce Alba, il cart ecologico per andare nei centri storici
Il nuovo stabilimento Tcn è evidenziato con la striatura

Un progetto che è un segnale di coraggio in un periodo difficile come l’attuale e che si propone di lanciare Alba, un quadriciclo leggero, oggi disponibile nella versione golf cart per l’utilizzo sui campi e nei villaggi turistici, ma il progetto della start up nata in corso Asti prevede nuove versioni che saranno utilizzabili sulle strade dei centri storici cittadini. Dopo Thok, diventata la Ferrari delle biciclette elettriche, il nuovo mezzo permette al gruppo Tcn di fare un ulteriore salto nella direzione della mobilità sostenibile.
Nei piani per il 2021, parte del nuovo edificio sarà dedicata alle linee produttive dei cart Alba, per arrivare al più presto a mille pezzi, dopo che i primi cento verranno montati a partire da maggio nello stabilimento attuale.

Giuseppe Bernocco e Sebastiano Astegiano hanno abituato a stupire fin da quando, nel 2016, presentarono un progetto che non prevedeva nuove costruzioni, ma di recuperare gli ex stabilimenti Miroglio con un investimento di decine di milioni di euro. Un intervento che ha migliorato l’aspetto dell’ingresso più trafficato alla città e ha permesso di eliminare oltre 30mila metri quadrati di amianto dalla copertura dei capannoni.

Si chiama Alba la nuova sfida di Tcn group per la mobilità del futuro 1

All’interno del nuovo stabilimento verranno installati gli impianti di assemblaggio e automazione industriale del reparto engineering della Bianco: isole robotizzate, officine per realizzare macchinari per l’imballaggio e le linee per la produzione di mascherine chirurgiche Bianco mask pro, nate per far fronte all’emergenza sanitaria a marzo 2020 e ora realizzate per gruppi farmaceutici, forniture medico-ospedaliere anche in uno scenario post pandemia. Nei nuovi edifici saranno spostate anche le linee Bianco per il controllo qualità dei tessuti, dei tessili tecnici, del tessuto-non-tessuto, della carta e dei film.

Bernocco e Astegiano commentano la notizia del via libera da parte del Comune di Alba: «Restiamo ottimisti e fiduciosi per l’anno in corso e abbiamo confermato gli investimenti previsti in un’ottica di crescita del gruppo. Nonostante il Covid-19 abbia prodotto impatti significativi su tutte le nostre attività, ci prepariamo a cogliere a pieno le opportunità della ripresa, facendo affidamento sulla nostra grande capacità di innovare, attraverso lo sviluppo di competenze e attività inedite nel gruppo, accogliendo questa profonda crisi come occasione per avviare un percorso di trasformazione e cambiamento».

Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba