Festa di santa Chiara, il programma liturgico al monastero di Bra delle Clarisse

Festa di santa Chiara, il programma liturgico al monastero di Bra delle Clarisse

BRA, città francescana per la preziosa e plurisecolare presenza dei figli (Cappuccini) e delle figlie (Clarisse) di san Francesco e quest’ultime anche di Chiara di Assisi, prepara la festa per la fondatrice della comunità delle sorelle Clarisse, una comunità viva, attiva nella preghiera e nel servizio ai più poveri: è di questi giorni l’appello che le sorelle hanno rivolto attraverso una lettera aperta sul problema dell’accoglienza e dei migranti, i nuovi poveri a cui i santi di Assisi si sarebbero sicuramente interessati.

Ecco il programma della festa di santa Chiara nella chiesa del monastero di viale Madonna dei Fiori 3. Si inizia domenica 8 agosto con la Messa alle 8.30, l’adorazione Eucaristica alle 16.30, il Rosario alle 17 e i Vespri alle 17.30; lunedì 9 si continua con il Rosario alle 17.30, i Vespri e la Messa dalle ore 18; infine martedì 10 il Rosario sarà recitato alle 17.30 e la celebrazione del transito di Santa Chiara dalla Terra al cielo è prevista alle 18 con la preghiera davanti alla reliquia. La giornata di mercoledì 11 agosto, memoria liturgica di santa Chiara d’Assisi, sarà caratterizzata dal Rosario alle 17.30, dai Vespri e dalla solenne concelebrazione dell’Eucaristia delle 18.

Festa di santa Chiara, il programma liturgico al monastero di Bra delle Clarisse 1

Umiltà, povertà, carità e tenerezza sono alla base dei carismi che caratterizzano la missione delle Clarisse; nel cui monastero è ospitata una comunità che oggi conta undici claustrali, sei sono sulla quarantina, tutte vocazioni locali. Alla base dell’opera di queste ancelle consacrate c’è un valore cristiano che anima tutta la loro missione: l’amore per il prossimo predicato dal Vangelo di Cristo. A settembre dopo la chiusura del Monastero di Boves, altre cinque consorelle clarisse arriveranno a Bra. Per questo motivo nelle settimane scorse sono stati fatti dei lavori per attrezzare le camere.

Lino Ferrero

Banner Gazzetta d'Alba