Vini, auto, moto e bici per oltre 400mila euro, il bottino dei ladri di Monforte d’Alba (FOTO e VIDEO)

I vini rubati erano stati messi in vendita su alcune piattaforme on-line e questo aveva consentito ai Carabinieri di mettersi sulle tracce degli indagati

Vini, auto, moto e bici per oltre 400mila euro, il bottino dei ladri di Monforte (FOTOe VIDEO)

MONFORTE D’ALBA Sono quattro le misure cautelari emesse nei confronti di altrettante persone, di cui due di origine thailandese, accusati, a vario titolo, di furto aggravato in abitazione, ricettazione e detenzione di stupefacenti. L’ordinanza, emessa da Gip del Tribunale di Asti, su richiesta della locale Procura della Repubblica, è stata eseguita oggi, venerdì 12 aprile, dai Carabinieri della Compagnia di Bra.

Le indagini, svolte dai Carabinieri della stazione di Monforte e del nucleo operativo della Compagnia di Bra, erano state avviate a seguito di un furto avvenuto nell’agosto scorso nell’abitazione di un ristoratore di Monforte, nel corso della quale erano state trafugate circa trecento bottiglie di vini pregiati di ingente valore e due autovetture.

Le indagini, condotte attraverso la visione di filmati delle videocamere pubbliche, l’esame di testimoni e ispezioni su materiale informatico repertato nel corso di alcune perquisizioni, hanno consentito di recuperare tutti i vini e le due autovetture, oltre a un motociclo Honda Cbr e dieci biciclette ottenute con ulteriori furti.

A casa di uno degli indagati sono stati anche rinvenuti e sequestrati 5,2 chilogrammi di hashish.

I vini rubati erano stati messi in vendita su alcune piattaforme on-line e questo aveva consentito ai Carabinieri di mettersi sulle tracce degli indagati, che in occasione della consegna di alcune bottiglie concordata con un finto acquirente si sono trovati di fronte proprio i militari dell’Arma.

Oltre ai quattro soggetti raggiunti dalle misure cautelari, risultano indagati altri tre giovani.

Tutti gli indagati sono da considerare innocenti fino all’emissione di una sentenza definitiva di condanna.

 

Banner Gazzetta d'Alba