L’Informagiovani di Bra coordinatore per la Granda

L’assessore alle politiche giovanili Massimo Borrelli

COMUNE Il Comune di Bra è stato individuato dalla Regione Piemonte come referente a livello provinciale per il coordinamento degli uffici Informagiovani. «L’essere stati scelti come punto di riferimento è un importante riconoscimento del lavoro svolto con impegno dai nostri uffici negli ultimi anni», dice con soddisfazione Massimo Borrelli, assessore comunale braidese alle politiche giovanili. L’ente torinese vuole costruire un sistema informativo regionale che assicuri l’accesso alle informazioni da parte di tutti i giovani del Piemonte e garantisca notizie costantemente aggiornate agli Informagiovani della regione e a tutti quei soggetti che sul territorio operano con il mondo giovanile. Su richiesta della Regione, la Ripartizione socioscolastica del Comune ha predisposto un progetto.

«Il piano portato avanti dalla Regione a livello piemontese prevede la sperimentazione di nove redazioni decentrate, di cui tre “redazioni operatori” (Biella, Bra e Vercelli) e sei “redazioni giovani” (Alessandria, Borgomanero, Cuneo, Ivrea, Pinerolo e Verbania), e la riapertura dell’Informagiovani di Asti», aggiunge Anna Origlio, responsabile dell’ufficio Informagiovani di Bra.

L’assessore alle politiche giovanili Massimo Borrelli

La redazione di Bra arricchirà la documentazione già presente nella banca dati e nelle schede orientative con informazioni relative al proprio territorio. Per fare questo utilizzerà le reti di collaborazione già esistenti e svilupperà nuove sinergie con la società civile. Il lavoro della redazione andrà ad alimentare il portale regionale per i giovani, in fase di costruzione.

La redazione braidese sarà inoltre lo snodo tra il Coordinamento regionale e i centri Informagiovani presenti in provincia di Cuneo. A Bra si raccoglierà ed elaborerà materiale informativo a copertura locale, caratterizzato da informazioni di qualità certificate (affidabili, aggiornate, complete, verificabili, comprensibili). I temi più significativi, su cui si lavorerà, sono autonomia e crescita personale (formazione, lavoro e cultura) e partecipazione alla vita della comunità. Bra lavorerà in stretta collaborazione con la redazione centrale di Torino, che avrà una funzione di coordinamento.

«Per realizzare questo progetto verrà assunto un giovane con un contratto a tempo determinato», conclude Borrelli. «La Regione concorre con un finanziamento di 20 mila euro, mentre il Comune mette a disposizione il proprio personale e i locali».

Diego Lanzardo

Banner Gazzetta d'Alba