Don.Alberione.com, lo spettacolo dedicato all’apostolo dei mass media

ALBA Don.Alberione.com è il titolo dello spettacolo che verrà rappresentato al teatro sociale “Giorgio Busca” di Alba l’11 ottobre alle 21, a ingresso libero, in piena Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba, per la prima volta “benedetta” dall’Unesco, che ha riconosciuto i paesaggi del vino di Langhe, Roero e Monferrato come patrimonio dell’umanità.

invito-spettacolo-don-alberione-com

Il contesto entro cui la rappresentazione è stata pensata è però il centenario della Famiglia Paolina, evento che ha visto la Società San Paolo e Gazzetta d’Alba collaborare con Regione Piemonte, ente turismo Alba, Bra, Langhe e Roero e Comune in una prestigiosa serie di iniziative, non ultimo il dépliant illustrativo degli itinerari legati alla figura e all’opera del fondatore, il beato Giacomo Alberione, che proprio ad Alba, attraverso Gazzetta d’Alba, avviò la sua “impresa” di fede e giornalismo. A don Giacomo, come suggerisce il titolo, è volta la messa in scena di Don.Alberione.com, l’apostolo dei mass media, per la regia di Fulvia Roggero, contesto di Angela Prestianni, musiche di Paolo Paglia, attori della compagnia teatrale “Marianna Torta Morolin” della Famija albèisa.

Spiega Roggero, attrice, formatrice teatrale e presidente dell’associazione “Teatro delle dieci” di Torino: «Lo scopo di Don.Alberione.com è di divulgare in modo moderno, attraverso l’espressione artistica, la missione e l’opera del Beato, un sacerdote di grande apertura mentale, che seppe usare, agli albori del secolo scorso, le nuove tecnologie per far arrivare il messaggio cristiano a tutti gli uomini, nei cinque continenti».

Aggiunge l’aiuto regista Gianpaolo Montisci: «Siamo stati domenica scorsa per una giornata a San Lorenzo di Fossano, dove don Giacomo è nato. Qui la compagnia di teatro ha potuto concentrarsi a fondo sulla preparazione della “prima” dell’11 ottobre, un evento molto particolare, che riserverà sorprese, da non perdere».

Angela Prestianni, autrice del testo, è nata nel 1960, lavora a Bra ed è assessore al bilancio del Comune di Cherasco. Ama la scrittura “di getto”, come spiega: «Trattare del beato Alberione è stato come scrivere di una persona di famiglia, buona e altruista. Sono orgogliosa di aver raccontato la sua vita e di aver studiato i suoi scritti».

Il maestro Paolo Paglia – che ha diretto in occasione dei festeggiamenti per i 130 anni di Gazzetta d’Alba e per l’avvio del centenario della Società San Paolo due splendidi concerti con l’Orchestra da camera di Guarene – ha composto alcuni interventi musicali, che accompagneranno la rappresentazione al Sociale, rendendola vivace e frizzante anche attraverso la sua interpretazione sul palco.

«Sono molto soddisfatta», conclude Roggero, «gli attori sono entrati nei personaggi, usando mente e cuore. E sono certa che questo piace molto a don Alberione».
L’ingresso allo spettacolo è gratuito, ma occorre ritirare i biglietti presso la libreria San Paolo di via Maestra 30, ad Alba, a partire dal 4 ottobre e fino a esaurimento dei posti. Per informazioni: 0173-29.63.32.

Maria Grazia Olivero

Banner Gazzetta d'Alba