Sbloccati altri 77 milioni di fondi sanitari arretrati per il Piemonte

L'assessore regionale alla sanità Antonio Saitta in visita al cantiere dell'ospedale di Verduno.
L’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta in visita al cantiere dell’ospedale di Verduno.

Lo sblocco di ulteriori 77 milioni di euro di fondi sanitari fermi da anni a Roma in attesa che la Regione si dimostrasse realmente avviata sulla strada del rientro dal debito: è questo il risultato più importante ottenuto dal Tavolo tecnico interministeriale di controllo e verifica della spesa sanitaria al quale il direttore generale dell’assessorato alla sanità, Fulvio Moirano, ha illustrato le ultime azioni intraprese dalla Giunta Chiamparino per restituire al Piemonte la credibilità necessaria sul riordino dei conti delle aziende sanitarie e sulla programmazione, indispensabili per poter concordare modi e tempi per avviare l’uscita dal commissariamento romano.

«Dopo avere sbloccato a marzo il turnover del personale sanitario – commenta soddisfatto l’assessore alla sanità Antonio Saitta – ora lo sblocco di 77 milioni di euro fermi da anni ci conferma che a Roma hanno compreso a pieno i nostri sforzi. Dovremo ancora lavorare con impegno per confermare che abbiamo ripreso a pieno il controllo dei conti pubblici nella sanità e lo stiamo facendo giorno dopo giorno su tutti i fronti».

Banner Gazzetta d'Alba