Il Vekkio è diventato grande

Cinema Vekkio 3CORNELIANO. L’associazione, ora maggiorenne, lancia nuove idee
È cominciata la diciottesima stagione di attività del circolo Arci Cinema vekkio, nel segno del rinnovamento. Archiviata l’Estate ragazzi dei record con 160 iscritti e attività realizzate in alternanza tra Piobesi e Corneliano, il circolo, nato nel 1998 sulle sponde del torrente Riddone, sulle ceneri del vecchio cinema comunale, riparte dal doposcuola del Cam che accoglie ogni giorno 25 bambini delle elementari e dello “spazio aperto” per 30 ragazzini delle scuole medie. A loro si aggiungono i 40 ragazzi di superiori e università che ogni giorno frequentano i laboratori del circolo, per un totale di quasi un centinaio di studenti che al Vekkio trovano una seconda casa ogni giorno. «Cerchiamo ogni anno di aggiungere professionalità alle nostre iniziative, per questo ai due educatori affiancheremo un ragazzo nell’ambito del “Progetto Cariplo” per 10 ore settimanali», spiega Giorgio Crana, presidente del circolo. «Nelle prossime settimane sarà inaugurata la pista di mountain bike e bmx realizzata dai ragazzi del circolo e partiranno i corsi di queste discipline per bambini e ragazzi da 6 a 14 anni». Sono già iniziati i corsi di capoeira con il maestro Ciquinho (lunedì e mercoledì), quello di balli occitani con l’associazione Cv d’oc e di pizzica, oltre al laboratorio di web radio. «Vorrei ringraziare», aggiunge Crana, «i ragazzi del circolo per i due giorni di diretta radio da Collisioni». Continua il progetto orto per i ragazzi dai 14 ai 18 anni. Una miriade di attività che fanno del Cinema vekkio uno straordinario contenitore di vita e che necessitano di molti fondi per sostenersi: «La situazione è meno critica rispetto agli scorsi anni anche grazie ai 15 mila euro raccolti con il crowdfunding e a un record di 2 mila tessere del 2014, ma occorre tenere la guardia alta, per questo cercheremo di proporre concerti di alto livello: da Cisco il 24 ottobre a Piotta il 28 novembre fino all’inglese General Levy in programma il 19 dicembre», conclude Crana.
Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba