Biciclette e segnaletica per la zona tutelata Unesco

Cirio: «Bene i 49 mila euro per la ciclabile Cherasco-Ceva»

ALBA Ammonta a un milione di euro lo stanziamento complessivo disposto dalla Regione per 32 progetti turistici che potranno procedere con la realizzazione dei rispettivi studi di fattibilità in modo da creare le condizioni per avere accesso a possibili fondi europei.
A fare la parte del leone è il cicloturismo: la Regione sostiene il sistema cicloturistico di Langhe-Roero e il percorso lungo la sponda piemontese del Lago Maggiore, la ciclovia da Cherasco a Ceva (finanziato con 49.776 euro) e i tracciati attorno al Monviso, la ciclabile monferrina e la bike area in Valle di Susa.
L’unione Colline di Langa e del Barolo punta sul “Sistema cicloturistico integrato in Langhe e Roero” che ottiene un finanziamento regionale di 50mila euro e si propone di creare itinerari tematici e oasi per il cicloturista nelle piazze di ogni borgo. L’idea è quella di allestire aree di sosta con servizi complementari quali ricarica per bici elettriche e supporti informatici, informazioni turistiche e arredi per l’accoglienza dei sempre più numerosi turisti che vivono una vacanza sulle colline in sella alla loro bici.
A esso si lega, quasi in simbiosi, il progetto presentato dall’ente turismo Alba-Bra e finanziato con 50mila euro, riguardo una segnaletica turistica specifica per il territorio Unesco che ne evidenzi l’aspetto vitivinicolo. L’idea coinvolge tutte e tre le Atl toccate dal sito – Alba, Asti e Alessandria – che hanno sottoscritto un accordo di intesa, anche in vista dell’ipotesi di fusione fra i tre enti.
Luigi Barbero, presidente dell’ente turismo albese, spiega: «L’approvazione dei due studi di fattibilità aggiunge un tassello importante al lavoro, avviato da anni, di strutturazione turistica del territorio. Il miglioramento dell’offerta permetterà di rafforzare il “marchio” Langhe e Roero.

g.s.

Banner Gazzetta d'Alba