In arrivo una nuova ecotessera per la raccolta di vetro e lattine

Lunedì 11 e martedì 12 luglio sciopero nazionale del settore igiene urbana

ALBA Con la conclusione del vecchio contratto d’appalto per la raccolta dei rifiuti si era conclusa anche la campagna di incentivi per gli albesi che portavano materiali da riciclare all’isola ecologica. L’ecotessera rinasce con la stessa filosofia ma con modalità leggermente diverse. Dal 15 settembre la raccolta punti per i residenti che porteranno i rifiuti da recuperare alla stazione ecologica di via Ognissanti sarà curata dall’ecosportello Stirano, nella sede Egea, in corso Nino Bixio 8, che è aperto lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8 alle 13, martedì e giovedì dalle 8 alle 17, sabato dalle 8 alle 12. Disponibile anche il numero verde 800-86.96.92.
La nuova regolamentazione prevede che la tessera venga ritirata dall’intestatario della tassa rifiuti e che per ogni consegna all’ecocentro di rifiuti non raccolti a domicilio venga apposto un punto. Per vetro e lattine in alluminio e metallo bisognerà portare almeno 20 pezzi per tipo o 40 in totale; inoltre si potranno consegnare tappi di sughero o plastica, scarti di legno, piccoli ingombranti, materiali ferrosi, olio vegetale esausto, cartucce di stampanti e toner esauriti, lampadine a basso consumo, scarti verdi. Nessun punto è previsto per il conferimento di carta e plastica.
Dopo almeno un anno l’ecotessera completata con 25 punti dovrà essere consegnata all’ecosportello Stirano, per prenotare uno dei premi a disposizione e ricevere una nuova tessera.
Saranno a disposizione di chi differenzierà i rifiuti i contenitori da 120 o 240 litri, dotati di rotelle, per la raccolta a domicilio dei vari rifiuti; pacchi di quaderni, block-notes e risme di fogli in carta riciclata; una tessera ricaricabile per i parcheggi blu di Alba con 20 euro di credito; una tessera per 20 corse sui mezzi pubblici; tre biglietti di ingresso agli spettacoli teatrali della stagione albese; 5 ingressi per adulti (o 10 ridotti) alla piscina comunale di San Cassiano; una compostiera da 300 litri per il trattamento degli scarti verdi; otto buoni pasto per la mensa comunale; pacchi da 200 sacchi da 30 e 50 litri per i rifiuti.
«Abbiamo deciso di rinnovare la simbolica iniziativa della tessera a punti rimodulandola in modo complementare al nuovo sistema albese di raccolta differenziata dei rifiuti», spiega l’assessore comunale all’ambiente Massimo Scavino. «È un’idea in più per premiare l’impegno ambientale dei cittadini che nella nostra città è sempre in crescita».

Banner Gazzetta d'Alba