Pallapugno: solo Campagno è imbattuto

A due giornate (e una manciata di recuperi) dalla fine del girone di andata la Canalese di Bruno Campagno è l’unica formazione imbattuta del massimo campionato. Senza addentrarci nelle pieghe di una classifica resa ingarbugliata da recuperi e turni di riposo, la cosa certa è che Campagno non ha mai perso, che Vacchetto ha perso solo con Campagno e che Corino ha perso contro i due giovani rivali. Quindi, il primato è del tutto meritato.

Sabato sera, Campagno ha superato l’ostacolo Corino espugnando per 118 lo sferisterio “Augusto Manzo” nella sfida più attesa del weekend. Dopo un buon avvio di Corino (21), Campagno e soci hanno ribaltato la situazione (24, 37) dimostrando maggior concretezza nei momenti decisivi e allungando ancora dopo l’intervallo (38) fino a portarsi sul 410. A quel punto Corino ha tirato fuori l’orgoglio del campione, incamerando quattro giochi consecutivi che hanno reso meno pesante il passivo.

Il turno si era aperto venerdì a Cuneo con la vittoria di misura (119) di Raviola su Giribaldi al termine di una gara molto equilibrata. Le squadre sono andate al riposo in parità (55) e sul 77 Raviola ha piazzato l’allungo decisivo (107) anche se Giribaldi ha ancora provato a rientrare in partita risalendo fino a 9 prima di cedere.

Sabato, invece, agevole successo di Galliano, che a Vignale ha concesso un solo gioco a Marcarino. Il programma si è completato domenica con le partite di Dogliani tra Giordano e Danna e di Dolcedo tra Orizio e Vacchetto. ADogliani Danna si è imposto per 117 al termine di una gara dai due volti. L’inizio era stato nettamente favorevole a Giordano, che si è portato sul 61 andando poi al riposo sul punteggio di 73. A quel punto, nella Virtus Langhe si è spenta la luce e due campioni navigati come Danna e Sciorella ne hanno approfittato per incamerare otto giochi consecutivi e con essi la vittoria.

Domenica sera, infine, Vacchetto, ha sconfitto Orizio a Dolcedo col punteggio di 116, prendendo il largo nel secondo tempo dopo che la prima parte si era chiusa sul 5 pari. Nelle file albesi, Ghigliazza è tornato a ricoprire il doppio ruolo di allenatore-giocatore a causa dell’assenza di Massucco, mentre Danusso, schierato nella formazione iniziale, si è infortunato lasciando il posto a Bogliacino.

La settimana si era aperta con l’attesissima sfida del Mermet tra Vacchetto e Corino, vinta per 116 dal campione d’Italia che ha inflitto la prima sconfitta stagionale al rivale. La partita, giocata (finalmente) davanti a un buon pubblico nonostante la serata fredda, non ha tradito le attese, con lunghi scambi tra i due capitani e giocate di qualità anche da parte delle squadre. La durata del match (tre ore e mezza) testimonia come la sfida sia stata più combattuta di quanto dica il punteggio finale, con otto giochi risolti sul 40 pari (sei vinti da Vacchetto, quattro dei quali al terzo vantaggio) e due soli risolti a zero (uno vinto da Vacchetto e uno da Corino). Dopo il primo allungo di Vacchetto dall’11 al 31, gli ospiti hanno pareggiato (33) con un un colpo sopra la testa di Bellanti. I padroni di casa si sono subito riportati in testa con un gioco a zero e hanno allungato con due giochi strappati sul 40 pari (uno al terzo vantaggio) andando poi al riposo sul 73. Nella ripresa Corino, pur non riuscendo a riaprire la partita, l’ha però resa viva e interessante fino alla fine. L’ex tricolore ha vinto il primo gioco dopo l’intervallo (74), Vacchetto ha subito replicato portandosi a 8 con un altro gioco chiuso al terzo vantaggio; poi Corino si è rifatto sotto (85), ma Vacchetto ha di nuovo allungato arrivando sul 95 con un gioco chiuso ancora al terzo vantaggio (fatale, un fallo del giovanissimo Bo, autore comunque di una buona prestazione) e poi a quota 10. Nel gioco conclusivo Corino conduceva 4015, ma dopo aver subito la rimonta di Vacchetto, si è arreso a un ricaccio del capitano albese ancora al terzo vantaggio, dopo che il campione d’Italia (ammonito poco prima per proteste) aveva chiesto time out per problemi alla coscia destra.

La sera dopo, il programma della giornata si è chiuso con la vittoria casalinga di Campagno su Giordano per 116. Dopo un ottimo avvio dei locali (61), che faceva presagire una vittoria netta, Giordano si è rifatto sotto, riducendo lo svantaggio all’intervallo (64) e restando ancora un po’ nella scia del rivale (75, 86) prima di cedere. In settimana si sono giocati anche due recuperi. A Villanova, Danna ha avuto vita facile contro Marcarino, imponendosi per 113 (91), mentre a Dolcedo Levratto ha sconfitto per 117 Orizio. In Liguria la partita è iniziata dal 30 per i padroni di casa; Levratto è partito bene pareggiando il conto sul 33, ma Orizio ha ancora allungato (53, 64, 75) prima di cedere agli ospiti, che hanno infilato sei giochi consecutivi ottenendo la prima vittoria stagionale e lasciando così Marcarino da solo sull’ultimo gradino della classifica.

Corrado Olocco