Cento chilometri a piedi nel nome di Maria

ALBA Cinque chilometri all’ora, per venti ore di seguito, fanno cento chilometri di cammino. È il percorso dal santuario di San Magno, in Valle Grana, a quello della Madonna della Moretta di Alba di quattro podisti albesi: lunedì 27 maggio, alle 16, sono partiti in quattro: Alida Camera, Antonio Emanato, Elio Sabena e Severino Marcato. «Era una giornata fresca, ideale per camminare », spiega Marcato. «Cento chilometri a piedi tutti insieme sono davvero tanti, anche se percorsi in amicizia e allegria. Al seguito avevamo un camper con Cesare Prando e Loredana Ninetti, in cucina per far mancare nulla, ma pure per gran parte del cammino a piedi, accanto a noi. Agostino, il marito di Alida, ci seguiva con la macchina fotografica. Per alcune ore è stato nostro compagno anche Giancarlo Scarzello e a Barolo ci hanno raggiunti Roberto Conte e Franco Arrigo». Ad Alba e al santuario della Moretta, il gruppo è giunto verso le 15.10 di martedì. Ad attenderli un bel gruppo di amici, i quali si sono uniti nel ringraziamento alla Madonna.

L’idea dei pellegrinaggi da cento chilometri da un santuario mariano all’altro è iniziata con Severino Marcato nel 2006 nel percorso da Sant’Anna di Vinadio sino alla Madonna dei fiori di Bra. Poi, nel 2011, è stata la volta del tragitto da San Magno, in Valle Grana, sino alla Madonna della Moretta di Alba. Lo scorso anno è stato ripetuto il tragitto da Sant’Anna di Vinadio sino a Bra.