Incontro in Comune sul reinserimento lavorativo per i 133 dipendenti della RotoAlba

ALBA Venerdì 31 luglio la sala Giunta del Palazzo comunale di Alba ha accolto l’incontro per la riqualificazione e il reinserimento nel mondo del lavoro per i 133 dipendenti della RotoAlba, rimasti senza impiego dopo la dichiarazione di fallimento, il 27 maggio.

Agli ex dipendenti RotoAlba, che hanno ricevuto da poco l’anticipo della cassa integrazione, sono state prospettate diverse soluzioni di reimpiego con la possibilità di vari aiuti a seconda dei possibili incanalamenti: la formazione ad hoc offerta dalla Regione nei casi di inserimento in aziende specifiche oppure il supporto informativo e economico nei casi in cui i lavoratori volessero avviare autonomamente un’impresa.

Nel corso della riunione il sindaco di Alba Maurizio Marello e l’assessore regionale Giovanna Pentenero hanno proposto un altro incontro a settembre anche con il coinvolgimento dell’imprenditoria locale per verificare la possibilità di assunzione dei lavoratori in aziende del territorio.

Nel frattempo, per quanto riguarda situazioni di difficoltà relative al pagamento degli affitti per chi è rimasto senza lavoro, il vicesindaco Di Liddo ha informato i presenti della possibilità di aiuto da parte dell’Amministrazione comunale attraverso il progetto “Emergenza Casa 4” della Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo che prevede contributi fino a 1.500 euro per tamponare il problema casa.

Leggi tutti gli articoli sulla vicenda Rotoalba