La crisi del mercato italiano non ferma la Ferrero: “Saranno mille gli stagionali assunti”

ALBA Sono già oltre 400 gli stagionali Ferrero al lavoro in vista dell’autunno, quando ripartiranno forti i consumi di cioccolato e delle festività natalizie, il periodo in cui i prodotti del colosso “Made in Alba” invaderanno supermercati e case.

Altri 600 entreranno tra agosto, settembre e ottobre per un totale di mille stagionali, in crescita rispetto al 2015-2016 quando gli stagionali furono poco più di 900.

A calare potrebbe però essere, come confermano i sindacati, la durata media dei contratti che nelle ultime due stagioni ha superato i sei mesi e ora potrebbe calare a cinque mesi, complice l’apertura dello stabilimento Ferrero in Cina, il primo consumatore del prodotto di punta della multinazionale: il Rocher.

«In attesa dei numeri certi che avremo solo a settembre, possiamo dire che le prospettive sono positive: l’azienda ci ha confermato l’ingresso di mille lavoratori stagionali, nonostante un mercato italiano ancora in sofferenza, per il quarto anno consecutivo», commenta Alberto Battaglino (Uila-Uil), a nome anche dei colleghi Franco Ferria di Fai-Cisl e Andrea Basso di Flai-Cgil che aggiunge: «Le assunzioni stagionali della Ferrero diventano una boccata d’ossigeno per tutto l’albese e un consolidamento del reddito per mille famiglie che permette di guardare con speranza al futuro».

Su Gazzetta in edicola martedì 26 luglio l’articolo completo con le novità e i nuovi prodotti Kinder e Ferrero, in cantiere.

Marcello Pasquero