Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Al Giro della Polonia Diego Rosa scalda il motore in vista della Vuelta

CICLISMO Sabato 29, a poco più di un mese dall’ultima corsa (il Campionato italiano partito da Asti) e a due mesi dalla conclusione del Giro d’Italia, Diego Rosa tornerà in gara al Giro di Polonia, corsa a tappe World tour della durata di una settimana.

Il ciclista di Corneliano ha concluso domenica scorsa un periodo di preparazione in altura, a Livigno. Con lui, tutti i corridori del Team Sky non impegnati al Tour de France. Gli allenamenti sullo Stelvio sono serviti per mettere a posto la preparazione in vista della seconda parte della stagione. «Ci siamo allenati bene, favoriti anche dal bel tempo. Sono soddisfatto, ma mi manca la gara. Ho voglia di rimettere il numero sulla schiena», sottolinea Rosa, che dal Giro di Polonia cerca risposte positive in vista della Vuelta di Spagna, che inizierà il 19 agosto e che lo vedrà quasi certamente al via, anche se manca ancora l’ufficialità.

«È una gara che mi piace e che mi porta bene. L’ho disputata una volta e l’abbiamo vinta con Aru», afferma Rosa, che nel 2015, con la maglia dell’Astana, chiuse al ventesimo posto in classifica generale e svolse un ruolo prezioso al fianco del sardo. «Forse la Vuelta è il più spettacolare tra i grandi giri. È il meno piatto, ci sono tante salite e molte fughe. È una corsa bella da disputare e da vedere», prosegue Rosa.

Per quanto riguarda l’imminente Giro di Polonia, Rosa spiega:
«È una corsa impegnativa, con tante salite brevi e il livello degli iscritti è alto (Sagan, Rui Costa, Nibali, nda), con molti corridori che preparano la Vuelta. Sarà un banco di prova importante per capire com’è la condizione e trovare il ritmo di gara».
Nella seconda parte della stagione Diego punta molto sulle principali classiche italiane, come Giro dell’Emilia, Milano-Torino e (ovviamente) Giro di Lombardia: «Sono corse dure e prestigiose e ci tengo a fare bene».

Corrado Olocco