Crollo dello sferisterio di Montezomolo, tre assoluzioni

Dirigenti dell'ex Comunità montana sotto processo per lo sferisterio crollato

MONTEZEMOLO Sono stati assolti i tre imputati per la vicenda dello sferisterio di Montezemolo: il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a 6 anni per Giampietro Rubino, funzionario dell’ex comunità montana Alto Tanaro cebano monregalese accusato di peculato (perché il fatto non sussiste) e abuso di ufficio (perché non costituisce reato), ma il giudice ha pronunciato una sentenza di assoluzione nei suoi confronti come per Gian Carlo Rossi, sindaco di Viola ed ex presidente della Comunità montana e di un altro funzionario, Gino Ferraris. Tutti e tre erano assistiti dall’avvocato Roberto Ponzio di Alba.

I fatti risalgono al 2006 quando crollò un muro del cantiere. Secondo la Procura 600 mila euro di risarcimento per quel crollo sarebbero dovuti andare all’ente, invece, furono pagati alla ditta che eseguì i lavori.

e.a.

Banner Gazzetta d'Alba