Sessanta giovani rinnovano la vita della parrocchia montatese

MONTÀ Don Paolo: «Merito del vivace e affiatato gruppo di animatori»
Sono numeri importanti quelli dei giovani che gravitano attorno alla parrocchia montatese: si tratta di una sessantina di ragazzi tra i 15 e i 20 anni.

I più piccoli sono del 2003, una ventina, si ritrovano tutti i martedì sera e sono seguiti dagli animatori Michela, Federico, Chiara ed Eleonora. Il martedì, sotto il controllo di Marcello e Cinzia, si riuniscono anche una quindicina di nati dal 2000 al 2001 mentre il venerdì sera è dedicato ai 2002, una quindicina, gestiti da Caterina e Gianluca. I giovani che hanno più di diciotto anni sono una dozzina, si ritrovano una volta al mese, la domenica pomeriggio, e seguono un percorso formativo insieme a suor Maria Paola.

«Più dei numeri», ha sottolineato don Paolo Marenco, «mi fanno felice l’interesse e la curiosità che i ragazzi mostrano per il messaggio cristiano. Stiamo ottenendo questo coinvolgimento grazie ad alcuni elementi di valore. Il primo è il gruppo di animatori, circa 25, che segue i giovanissimi. Sono giovani a loro volta (alcuni hanno solo 16 anni), affiatati, autonomi e preparati. Si ritrovano ogni due settimane con gli educatori Paola e Federico (che segue già i ragazzi del 2003). Animano le domeniche del catechismo, trattando temi d’attualità, legati al messaggio cristiano e a esigenze dei ragazzi».

Oltre agli incontri consueti, i ragazzi si ritroveranno tutti per la festa di san Giovanni Bosco, l’ultima domenica di gennaio a San Rocco, al termine della Messa, per un momento di riflessione personale e comunitaria.

a.au.