Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Domenica 6 maggio torna a castello Falletti l’asta del Barolo

BAROLO Oltre 150 bottiglie di Barolo, dal 1947 al 2000, saranno battute all’Asta mondiale che il 6 maggio torna, al Castello Falletti di Barolo, nel cuore della produzione di uno dei più grandi e noti vini rossi.

L’Asta avrà come finalità la charity, con ricavato all’associazione 1 Caffè di Luca Argentero e Beniamino Savio per la preparazione di pasti caldi e un centro di raccolta di alimenti e vestiti. E’ prevista la presenza di ospiti in arrivo da Australia, Usa, Cina, Canada, Sud Africa. Altri compratori potranno accedere dall’estero tramite dirette streaming.

L’Asta sarà preceduta, il 3 e 4 maggio, ai castelli di Costigliole D’Asti e di Barolo, dal lancio di ‘Indigena’, un “esperimento culturale” creato dal Consorzio Barbera D’Asti e Vini del Monferrato, dal giornalista di Vinous Ian D’Agata e dal ‘Progetto Vino’ di Collisioni, il festival agrirock. Il campo d’azione è “lo studio e la promozione delle eccellenze vinicole e gastronomiche del Made in Italy per professionisti emergenti di tutto il mondo”.

Ansa