Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Un transessuale e una studentessa rapinati dagli stessi malviventi

CRONACA Due rapine in due giorni. È quanto è stato contestato a un cinquantenne pregiudicato di Alba e a un 29enne del Gambia, anch’egli con precedenti, che l’11 maggio sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Bra, per una rapina avvenuta lo stesso giorno ad Alba, ai danni di una giovane studentessa, a cui era stata sottratta la borsa contenente denaro contante e documenti.

Il secondo reato di cui sono stati accusati è la rapina, compiuta il 9 maggio, ai danni di un 54enne transessuale italiano, rapinato del telefono e di 100 euro in contanti, dopo essere stato minacciato con un coltello, mentre si stava prostituendo a Isola d’Asti.

I Carabinieri del Nucleo operativo di Canelli, che avevano soccorso la vittima e raccolto la sua deposizione, sono arrivati a denunciare i due malviventi, già fermati per la rapina ad Alba, dopo un’articolata indagine. Mentre il cittadino del Gambia era stato trattenuto in carcere e la seconda denuncia gli è stata notificata in cella, la misura cautelare decisa dall’Autorità giudiziaria per l’italiano è stata quella degli arresti presso il suo domicilio e là gli è stata notificata la nuova denuncia.