Da domenica 12 a sabato 18 Diego Rosa parteciperà al Giro di California

Da giovedì a domenica Diego Rosa disputerà il Tour de la Provence
Diego Rosa nella cronometro iniziale della Vuelta Valenciana

CICLISMO Se nell’800 la California era la meta di tutti quelli che volevano cercare fortuna all’Ovest, per Diego Rosa sarà l’occasione per mettersi in evidenza dopo l’esclusione dal Giro d’Italia. Il cornelianese del Team Ineos (l’ex Team Sky), da domenica 12 a sabato 18, parteciperà al Giro di California, corsa a tappe breve e giovane (è giunta alla quattordicesima edizione), ma che dal 2017 è entrata a far parte del World tour e ha nell’albo d’oro nomi di spessore, come Bernal, Alaphilippe, Sagan, Wiggins e Van Garderen.

Rosa, al recente Giro di Romandia, ha svolto al meglio il consueto lavoro per la squadra, andando in fuga un paio di volte e classificandosi terzo nella classifica degli scalatori alle spalle dello svizzero Pellaud e all’olandese Kruijswijk.

Al Giro di California il Team Ineos schiererà gli italiani Rosa, Basso e Moscon (escluso in extremis dalla squadra per il Giro d’Italia), lo spagnolo De La Cruz, i britannici Doull e Rowe e il norvegese Halvorsen.  La concomitanza col Giro d’Italia non ha impedito alla corsa californiana di richiamare corridori di alto livello, come i cacciatori di tappe Sagan e Stybar, i velocisti Degenkolb, Bouhanni e Cavendish,  uomini da classifica come Van Garderen e Porte e il vincitore della cronometro  Barbaresco-Barolo del Giro 2014 Uran.

La prima tappa, con partenza e arrivo a Sacramento,  misura 143 chilometri completamente piatti.  Più dura sarà la seconda frazione, in programma lunedì, da Rancho Cordova a South Lake Tahoe, 194,5 chilometri con salite oltre i 2mila metri nella seconda parte. Martedì sarà la volta della tappa Stockton-Morgan Hill (207 chilometri) con salite a metà percorso e un finale piatto. La tappa di mercoledì partirà dall’autodromo di Laguna Seca e terminerà a Morro Bay (212,5) Giovedì è in programma la frazione più lunga: 218,5 chilometri da Pismo Beach a Ventura, adatta ai  finisseur. La tappa regina sarà quella di sabato, appena 127,5 chilometri, da Ontario a Mount Baldy, ma con tre Gran premi della montagna e arrivo in salita. L’ultima frazione, sabato, andrà da Santa Clarita e Pasadena, 141 chilometri con epilogo adatto ai velocisti.

Corrado Olocco

Banner Gazzetta d'Alba