Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Sistemata la voragine davanti alla chiesa causata dal maltempo

COSSANO BELBO A più di dieci mesi dalla bomba d’acqua che colpì Cossano, facendo crollare il tunnel di scolo del rio Santa Maria davanti al sagrato della parrocchiale, s’intravvede la conclusione dei lavori.  Con una prima ordinanza sindacale, in cui si stanziarono 150mila euro, erano state messe in sicurezza le fondazioni della chiesa e circoscritta l’area danneggiata, passando poi alla costruzione della nuova condotta. I lavori, realizzati dall’impresa Boggeri di Arquata Scrivia, hanno consentito di collegare il tratto a monte della conduttura, ancora in discrete condizioni, con quello a valle: un manufatto che, con quattro gradoni di tre metri l’uno, passa dal piano della piazza al punto più profondo. Un’opera imponente, costata 348mila euro, realizzata con la supervisione dello studio Reggio e Sordo di Alba e la collaborazione del tecnico comunale Luca Manzo.
«Finalmente siamo arrivati alla fase finale», dice il sindaco Mauro Noè, che ritiene imminente il riempimento della voragine. «L’area sarà inizialmente ricoperta con la ghiaia per favorire eventuali assestamenti e solo in un secondo momento sarà ripristinata la pavimentazione mista in porfido e asfalto».
Aggiunge il sindaco: «L’unico neo sono i trasferimenti regionali che, a fronte dei finanziamenti puntualmente concessi, non sono ancora arrivati nelle casse comunali, impedendo di pagare la ditta e i professionisti». L’Amministrazione comunale ha ottemperato inizialmente ai pagamenti (100 & della fase d’emergenza e il 40 della nuova costruzione), ma ora non riesce più a far fronte al ritardo. «Spero che la Regione provveda velocemente», conclude Noè.

Fabio Gallina