Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Slow Food: “Solidarietà a chi salva vite”

“Le foto di madri, padri e figli morti attraversando fiumi, mari, confini, non possono essere immagini di un quotidiano che viviamo con indifferenza”. Lo afferma il Consiglio nazionale di Slow Food Italia. Il massimo organo politico dell’associazione, riunito a La Maddalena, esprime in una nota “solidarietà all’equipaggio della SeaWatch e alla sua comandante Carola Rackete. E a tutti quelli che in qualsiasi parte del mondo stanno lavorando per dare dignità ai migranti e salvano vite umane”.

“La vicenda SeaWatch ha riportato alla ribalta la questione delle migrazioni attraverso le rotte del Mediterraneo – osserva Slow Food -. Fenomeno che in realtà non si è mai arrestato: infatti nei 17 giorni in cui la SeaWatch è rimasta in mare con il suo carico di vite umane, in balia di prove di forza politico-propagandista, molti barchini dall’Africa hanno raggiunto le nostre coste. E chissà in questi anni quanti non ce l’hanno fatta. Slow Food sta sempre dalla parte di chi prova a salvare queste vite”.

Ansa